Pane & co/ Salato

Grissini con lievito madre

 

 

Allora. E’ ufficiale.

Quando si parte con il lievito madre, non se ne esce più.

Lui cresce, lo devi rinfrescare, si blobbizza bene e tu lo devi utilizzare, metterlo al lavoro.

Non ho fatto cose troppo elaborate fino ad ora, ma quelle che ho fatto mi hanno dato tanta soddisfazione.

Questi grissini li ho fatti e rifatti un sacco di volte.

Primo perché le foto non mi piacevano mai, secondo perché la famiglia li ha graditi un sacco e proprio per questo ne faccio sempre una dose doppia rispetto agli ingredienti indicati nella ricetta qui sotto.

Quindi se riuscite a farvi spacciare un po’ di lievito madre provateli!

Ovviamente non utilizzate il lievito subito, lui deve adattarsi a voi e va rinfrescato per qualche settimana prima di metterlo in uso.

Cosiderate che, una volta rinfrescato, dovrebbe raddoppiare nel giro di 3/4 ore.

A questo punto lo potrete utilizzare, e vi darà tante soddisfazioni!

Magari non arriveranno subito, e non sarete subito soddisfatti dei risultati ottenuti, ma non demordete e riprovate!

Questi grissini ad esempio sono semplicissimi e potrebbero essere una delle prime cose da provare a fare!

Poi sono anche buonissimi quindi…

Ricettina dai!

 

DSC_0273_impasto_

IMAG6327_grissini_coltello

DSC_0276_teglia

DSC_0281_teglia

GRISSINI CON LIEVITO MADRE

Ricetta tratta dal libro “Come si fa il pane” di Emmanuel Hadjiandreou

Ingredienti

Dose per 15-20 grissini:

200 g farina macinata a pietra tipo 1

4 g di sale integrale (3/4 di cucchiaino)

100 g di lievito madre rinfrescato

110 ml acqua calda

20 ml olio evo

Fior di sale di Cervia qb

Preparazione

In una ciotola piccola mescolate la farina ed il sale. Questi sono gli ingredienti secchi.

In una ciotola più grande, mescolate il lievito madre con l’acqua, amalgamateli bene quindi aggiungete anche l’olio evo. Questi sono gli ingredienti umidi.

Unite gli ingredienti secchi a quelli umidi e mescolate bene, fino a quando il composto sta insieme.

Coprite con la ciotola più piccola e fate riposare per 10 minuti.

Trascorsi i 10 minuti, lasciando l’impasto nella ciotola, tirate un pezzo di impasto da un lato e premetelo al centro. Continuate girando la ciotola e facendo la stessa operazione lungo tutto il bordo dell’impasto. Dovreste impiegare circa 10 secondi, vedrete che l’impasto inizia a fare resistenza.

Coprite nuovamente a lasciate riposare altri 10 minuti.

Ripetete due volte le fasi 5 e 6. Quindi ancora la fase 5 e lasciate riposare per 1 ora.

Cospargete il piano di lavoro con della farina e trasferitevi sopra l’impasto.

Appiattitelo con le dita fino ad ottenere un rettangolo spesso circa 5 mm.

Coprite con della pellicola e lasciate riposare per 15 minuti.

Trascorso il tempo, tagliate il rettangolo con un coltello affilato, a striscie larghe ca 1 cm.

Tirate ogni grissino per allungarlo leggermente e disponetelo su una teglia rivestita di carta forno.

Fate lievitare in luogo fresco per circa 2 ore.

Mezz’ora prima di infornare, accendete il forno alla massima temperatura (240°). Fate scaldare una teglia sul fondo e tenete da parte una tazza di acqua.

Infornate i grissini, versate la tazza di acqua nella teglia sul fondo ed abbassate la temparatura a 180°.

Cuocete per circa 20 minuti, comunque fino a quando saranno belli dorati.

Fate raffreddare su una griglia.

NOTE:

Io di solito ne preparo il doppio di questa dose.
Potete prepararli al naturale, cosparsi di sale come in questa ricetta, oppure mescolare all’impasto dei semi tipo sesamo o papavero.
Serviteli insieme a delle salse, al posto del pane…in ogni modo li servirete finiranno in un nanosecondo!

 

 

DSC_0288_grissini_lievito_madre

 

 Buon S. Valentino e buon fine settimana gente!

Tanto LOVE per tutti!

 

roby-antracite-300x75

 

 

 

You Might Also Like

11 Comments

  • Reply
    simo
    14 febbraio 2015 at 11:37

    E’ vero Roby….io pure sono riuscita a farlo passare a miglior vita, però!!! Sono proprio unica e pasticciona, ahahaha… 😉
    Questi grissini sono una meraviglia, i miei complimenti cara
    Bacione

    • Reply
      roberta morasco
      15 febbraio 2015 at 10:09

      Beh confesso che pure io il primo avuto sono riuscita a sopprimerlo…bisogna insistere!!!
      Grazie Simo! <3

  • Reply
    Claudia
    14 febbraio 2015 at 13:44

    A me ha dato soddisfazioni da subito.. non mi ha mai tradita.. e continua a essere il mio valido alleato per pane.. pizza e lievitati!!!! Ottimi i tuoi grissini.. smackkkkkkkkkk

    • Reply
      roberta morasco
      15 febbraio 2015 at 10:10

      Sei stata brava e anche fortunata allora!!! Io ho docuto insistere un po’, il primo lievito davvero non ‘partiva’…
      Cmq ora mi sto divertendo!! Baciuz!!!

  • Reply
    Ketty Valenti
    14 febbraio 2015 at 15:56

    Sono uno spettaccolo,un bellissimo colore e poi con tanta dolcezza in giro oggi un pò di leggerezza ci sta benissimo!

    • Reply
      roberta morasco
      15 febbraio 2015 at 10:11

      ahahahahaha…è vero vado controcorrente, con tutti ‘sti dolci per S. Valentino io grissini!!
      Non me ne sono nemmeno resa conto!
      Abbraccione!

  • Reply
    Silvia
    15 febbraio 2015 at 16:26

    Bellissimi Roby, ma che pazienzaaaaa! Io non riuscirei a curarlo a dovere 😀

  • Reply
    Marianna Feltrinelli
    15 febbraio 2015 at 21:59

    Ciao Roberta!!! E’ vero, il lievito madre diventa insostituibile e un compagno quotidiano!!!! Proverò i tuoi grissini e spero di vederti presto!!!!

    • Reply
      roberta morasco
      16 febbraio 2015 at 11:59

      Lo spero anch’io!! Ho visto che il 28 marzo sei anche tu a Milano, quindi se non ci si vede prima sarà in quella data!!! <3 baciuz!

  • Reply
    barbara
    19 aprile 2016 at 16:58

    Scusa mi spieghi meglio il passaggio 5?

    • Reply
      Roberta Morasco
      19 aprile 2016 at 17:22

      Ciao Barbara, cosa non ti è chiaro del passaggio 5?
      Questo passaggio serve per rafforzare il glutine e favorirne lo sviluppo, come spiegato nella ricetta, va preso con le dita un lembo di impasto, tirato e premuto verso il centro tutto intorno all’impasto per 10 volte, con una mano prendi l’impasto e con l’altra giri la ciotola.
      🙂

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Torta di mais