Browsing Tag:

muffin e cupcake

Cioccolato/ Colazione e merenda/ Dolce/ Dolci da credenza e crostate

(Easter) Chocolate cupcakes

“Avrò diciotto anni fino alla morte”

Haruki Murakami

Già.

Avrò diciotto anni fino alla morte.

Mi piace questa frase, come mi piace la gente che non si ferma mai.

Che non smette mai di imparare.

In fondo essere ‘vecchi‘ è questo, non aver più voglia di imparare.

Non è una questione di numeri, ma di approccio alla vita.

E per me imparare, sempre, è essenziale.

Cambiare, studiare, affrontare nuove avventure e nuovi percorsi.

No, il cambiamento, non mi ha mai spaventata né fermata, anzi.

La Pasqua è questo in fondo no? Rinascita.

Non ho avuto il tempo di incordare colombe, né di far lievitare focacce, ma dei dolcetti semplici per le mie ragazze in questi giorni li ho preparati.

Continue Reading…

Bevande Aperitivo/ Contorni/ Dolce/ Greenery mood/ Salato

La menta, come farei senza? Mojito, zucchine alla menta e muffin integrali con salsa di noci pesche menta

 

La prima cosa che ho fatto, non appena preso possesso della nuova casa, è stata quella di fare una bella aiuola aromatica in giardino, davanti alla porta della cucina.
Non so voi, ma io, senza erbe aromatiche, non riesco a cucinare.
Uso tantissimo le spezie in generale, e moltissimo quelle nostrane, le erbe aromatiche.
Oltre a profumare e colorare le pietanze hanno tantissime proprietà benefiche.
La menta è favolosa.
 
E’ molto facile da coltivare, è perenne e resistentissima.
In inverno la vedrete seccare e sparire, ma poi vi sorprenderà rispuntando a primavera più rigogliosa che mai.
E’ preferibile coltivarla in vaso perché tende ad ibridizzare, è infatti chiamata la ‘dannazione del botanico’ proprio perché ne esistono tantissime varietà.
L’unica che non si ibridizza è la menta piperita, la varietà maggiormente diffusa ed utilizzata.
La menta ha davvero tantissime proprietà.
Il suo principio attivo è un olio essenziale, il mentolo, ma contiene anche vitamina C e sostanze antibiotiche.
E’ carminativa (accelera i processi digestivi), anti-fermentativa, antisettica, è un potentissimo antibatterico (soprattutto per stomaco ed intestino) ed ha anche ottime proprietà sedative (utile nei casi di mal d’auto, d’aereo, di mare).
Ricordate però che è un blando eccitante, quindi è sconsigliato assumerla nelle ore serali, inoltre può interferire con alcune cure omeopatiche, pertanto in questo caso chiedete consiglio al vostro medico.
Secondo me in cucina, come aromatizzante, è unica.
Con alcune pietanze si sposa alla perfezione.
Con i carciofi, ad esempio, è anche d’aiuto perché evita la fermentazione ed i gas intestinali.
L’avete mai provata con le fragole? Perfetta.
Io la uso davvero tanto e, siccome tra un po’ arriverà il freddo e se ne andrà in letargo, ho deciso di approfittarne per postare alcune ricette sia dolci che salate di quest’estate che avevo in archivio.
Che dirvi ancora?
Preparatevi un buon Mojito, principe dei cocktail estivi, e passate un felice fine settimana!

Continue Reading…

Colazione e merenda/ Diario/ Dolce

Happiness is … Muffin fragole e mascarpone

 

 

“Il fatto che mi basti poco per essere felice
non significa che mi accontenti delle briciole.
Altrimenti sarei un criceto.”
Italo Calvino
“Non esiste una strada verso la felicità. La felicità è la strada.”  Confucio
“La migliore vendetta? La felicità.
Non c’è niente che faccia più impazzire la gente che vederti felice.”
Alda Merini
“Quando andai a scuola, mi domandarono come volessi essere da grande.
Io scrissi ‘felice’.
Mi dissero che non avevo capito il compito,
e io dissi loro che non avevano capito la vita.”
John Lennon
“Scegli di avvicinarti a quelli che cantano, raccontano storie,
si godono la vita e hanno la gioia negli occhi.
Perché la gioia è contagiosa e riesce sempre a scovare una soluzione..”
Paulo Coelho
 
Ho scelto questi aforismi per esprimere un po’ il concetto della felicità..
Felicità è tante cose, le più semplici secondo me, quelle di ogni giorno.
Roberta lo ha spiegato molto bene nella presentazione del suo contest HAPPINESS IS HOMEMADE.
 
 
“La soddisfazione immensa che si prova nel vedere qualcosa che abbiamo fatto con le nostre mani. 
Il piacere di assaggiare un piatto che abbiamo preparato noi stessi, e di sentirne il gusto sul palato.
Queste sono emozioni viscerali, positive, ma spesso dimenticate.
Perché non si ha tempo, perché tutto si può comprare, e allora troppo spesso ci si dimentica del gusto che hanno i gesti semplici. ….
Con l’alibi della mancanza di tempo, delle mille cose da fare, dei pensieri e degli impegni, si finisce per pensare che cucinare sia un gesto a cui possono dedicarsi  solo pochi privilegiati che non hanno nulla di meglio da fare dalla mattina alla sera.
Non è così naturalmente. Ma fa comodo pensarlo.
Non ci si ricorda, e forse è normale, che un pomodoro fresco passato in padella con un filo d’olio e una foglia di basilico, sia uno dei piatti più buoni del mondo! E che i profumi che sprigiona sono una vera dose di benessere!
Prendersi invece venti minuti di tempo da dedicare al gesto ancestrale di preparare del cibo, immergere le mani negli ingredienti, sentire i profumi freschi che si sprigionano, giocare con le consistenze, è una scelta ottima per tanti motivi: riscoprire piccoli piaceri del gusto dimenticati, prendersi cura di sè e dei propri cari scegliendo cibi sani e naturali, contribuire allo sviluppo di un’economia del cibo che sia più a misura d’uomo……”
E ora la ringrazio.
E ringrazio lo chef Giuseppe Capano  che ha collaborato con lei e decretato le ricette vincitrici.
Sono onorata e molto felice per aver vinto il contest nella categoria delle ‘Ricette dalla terra’. La ricetta è questa qui.
Quella che invece vi propongo oggi risale a diverse settimane fa.
Non sto cucinando granché in questo periodo, un po’ per il tempo che non ho, un po’ perché ogni giorno torno a casa con contenitori pieni zeppi di ciò che cuciniamo al corso…
…quindi se voglio aggiornare il blog sono costretta a postare alcune ricette in archivio, che non è poi male, visto che se si lascia passare troppo tempo non vanno più bene…
Capita anche a voi di lasciare qualche ricetta parcheggiata per troppo tempo nella cartella “Prossimi post”?
A me regolarmente.
Poi a volte succede che passa la stagione del prodotto con cui è stata preparata, oppure non mi piace più molto la foto o il piatto scelto…insomma a volte è meglio postare subito e non se ne parla più!
Quindi muffin gente!
Meno una settimana al trasloco, abbiate pazienza se latito dal web, tra qualche settimana torno!
 

Continue Reading…

Cioccolato/ Colazione e merenda/ Diario/ Dolce

Il giudizio muta .. e Muffin doppio cioccolato e peperoncino con frosting al cocco

 


“Ognuno ha le proprie opinioni….
vi siete accorti che non smettiamo mai di giudicare quello che ci circonda?
E’ normale avere un parere sul film che si è appena visto, sulle vacanze appena trascorse.
Ma io vi sento dare giudizi ininterrottamente.
Vi appropriate di tutto ciò che vedete e sentite, e ci mettete sopra il vostro marchio come fosse un’etichetta. ‘Belli i tuoi fiori’, ‘Quel vestito è orrendo’, ‘Hai visto quello che faccia da cretino?’…sento anche le vostre proteste ‘Avrò pure il diritto di avere un’opinione?’, ma certo, se sono argomentate, pensate, passate al filtro del vostro spirito critico….vi appropriate di quello che non vi appartiene ‘E’ bello, è brutto..’
Che ne sapete?
E’ bello oggi e brutto altrove, domani….
Invece no, il vostro giudizio è permanente, perentorio e del tutto soggettivo. Provate a pensarci e vi accorgerete che quel giudizio muta….
Chi può sapere cosa sia buono e cosa sia cattivo? Nessuno. Dipende dalla giornata, dalla persona, dal criterio di giudizio…
Le opinioni semplicistiche sono pericolose.
Nessuno di noi può giudicare di ciò che è bene in assoluto.
Si può scegliere soltanto per sé, a condizione di non nuocere ad altri.
Nel modo più semplice, ognuno considera come un bene ciò che corrisponde ai suoi desideri o alle sue opinioni.
Nel nome di quel bene, del mio bene si può fare molto male.”
“Come scrisse Montaigne: ‘Tieni il tuo parere per tuo, e non per buono.
Tratto da “La vita spiegata ai miei figli” Anne Bacus-Lindroth
Lo sto rileggendo.
L’ho letto la prima volta che Carola era piccina, e l’ho ripreso in mano da poco, un pochino ingiallito, con tutte le mie sottolineature, ché io sono una che sottolinea tutto…

Gli spunti di riflessione che offre questo libro sono tanti e mi piace molto.

Oggi va così.
Riflessione e, dolcetto godurioso, muffin doppio cioccolato e peperoncino con frosting al cocco!
Ciao!


Continue Reading…

Cioccolato/ Colazione e merenda/ Dolce/ Eventi

Bloggalline il raduno! Muffin cioccolato bianco e mirtilli

 

Ancora non ci credo onestamente.
Mi sembra impossibile.
Ma ho acquistato il biglietto del treno, prenotato l’hotel.

ROMA, 26-27 Aprile 2013.

Come è nato tutto ve l’ho raccontato qui, l’8 Marzo, Festa della Donna, e non potevamo farci regalo più bello!
In questi giorni alcune delle protagoniste, insieme a me, di questa avventura ne hanno parlato nei loro post, RobertaMonicaBerryVatyMonica, ma anche M4ryPatty, uno più bello ed emozionante dell’altro.
Ma del resto sono mie AMICHE, io mi emoziono a leggere quello che scrivono.

’Amiche?  Ma se non le hai mai incontrate?’ Penserà qualcuno…

Si, AMICHE.
Perché in questi mesi ho imparato a conoscerle attraverso quello che leggevo nei loro blog, attraverso i loro commenti, alcune anche attraverso il telefono…AMICHE.

E poi ci sono anche tutte le altre che ho conosciuto (virtualmente) da poco e che si sono unite a noi con tanto entusiasmo, rendendoci davvero felici.

Insomma, in pochi giorni da quel fatidico 8 Marzo, il gruppo è aumentato moltissimo.
Il gruppo aperto su Facebook al fine di organizzare al meglio il raduno e condividere le informazioni, conta ormai 206 blogger (cifra in continuo aumento..).

Non tutte riusciranno ad organizzarsi per questa data purtroppo, sarebbe stato chiedere troppo, ma ci saranno altre occasioni, altre città, ne sono certa!


QUINDI…

Se non siete su Facebook, per avere informazioni sul programma potete contattare:

Continue Reading…

Colazione e merenda/ Dolce

Cupcake al cioccolato e panna con frosting al mascarpone e torrone

 

Ok, sto guardando Crozza che imita i giudici di Masterchef, anzi BastardChef…è fantastico!

Per poco non cado dalla sedia con l’imitazione finale di Joe Bastianich… eh eh eh ‘Vuoi che muoro?’

Andatevelo a guardare sul sito de La7, giusto per sganasciare un pochino … ché ridere fa tanto bene alla salute!

In questo periodo muffin e cupcake li farei di continuo, mi danno troppa soddisfazione, ‘sti dolcetti!
Di solito non ci vado sempre così pesante con i dolci, nel senso che cerco di evitare i frosting al burro, un po’ troppo americani e ciccionissimi… certo sono buoni, ma esageratamente calorici…
È che avevo questo torrone, residuo delle ceste natalizie.
Nessuno qui a casa intendeva mangiarlo così, e di buttarlo non se ne parla davvero…
Di solito se mi avanza del torrone, lo utilizzo per preparare un semifreddo ma, siccome avevo una confezione di mascarpone nel frigorifero che attendeva giusta collocazione, e dato che avevo programmato di fare dei muffin, insomma ecco che sono usciti questi cupcake!
Se siete a dieta, lasciate perdere! Perché qui di calorie non so quante, ma ce ne sono ‘na botta … anche perché, mangiato uno non sarete soddisfatti, ne vorrete subito un altro!
Vi auguro un felice week end!

Continue Reading…

Dolce

PRESTO CHE C’E’ IL SOLE!!!…MUFFIN ‘PANETTONE’



 
IL SOLE!
 
Questa mattina qui c’è il sole!
 
Ne ho davvero le scatole piene del tempo che ci ha regalato questo Natale…roba da farti crescere i funghi pleurotus nelle ossa…ma dico io nebbia tutti i santi giorni adesso???
 
Ieri sera stavamo andando in una pizzeria per trovarci con alcuni amici, strada che conosciamo benissimo tra l’altro…e ad una rotonda ci siamo (dico ci siamo perché nemmeno io mi sono accorta dell’errore di mio marito..) disorientati tanta era la nebbia e, avendola confusa con la rotonda successiva, abbiamo imboccato l’uscita che ci riportava verso casa….non si vedeva ‘na mazza!
 
Vabbè, adesso pubblico il post e si esce cari amici, ché più tardi mi sa che cala nuovamente THE FOG….sembra un film dell’orrore…infatti.
 
Ricetta?
 
L’idea mi è venuta da una ricetta che ha preparato Benedetta tacco 12 in the kitchen (io la prendo un po’ in giro, ma devo dire che mi è simpatica e la invidio…anch’io vorrei destreggiarmi così con quei tacchi in cucina!!).
La sua ricetta onestamente non l’ho segnata, perché ho preso solo l’idea, poi li ho preparati a modo mio…
 
Sono soddisfatta del risultato, del resto se non fosse così e mica li posterei!!…. 😉
 
Il sapore ricorda quello del panettone, anche se l’impasto è davvero quello dei muffin, il che li rende golosi (e vedete che la Benedetta mi ha contagiata con ‘sto golosi???) e perfetti come dolce dopo cena, magari accompagnati da una salsa alla vaniglia o all’arancia, ma anche ottimi anche per la colazione. 
Io non amo cose troppo dolci con il caffelatte la mattina, ma questi me li sono sbafati!!!
 
Non fatevi spaventare se gli ingredienti sono parecchi, sono facilissimi da preparare! 
 
Li provate???
Spero ci sia un po’ di sole anche da voi…
Buon sabato amici!!!
 

MUFFIN ‘PANETTONE’
 
Ingredienti:
 
2 uova biologiche
1 vasetto di yogurt all’arancia
150 g zucchero di canna
200 g farina di farro biologica
100 g fecola di patate
1 bustina di lievito
½ cucchiaino di polvere di vaniglia bourbon
Sale rosa dell’Himalaya un pizzico
50 g burro
50 g arancia candita
50 g uvetta sultanina
Liquore all’arancia
2 cucchiai marmellata mandarini biologica
 
Per glassare
Granella di zucchero
Zucchero a velo
Succo di limone
 



Mettete l’uvetta ad ammorbidire in una tazza con il liquore (eventualmente allungato con dell’acqua).
 
In una ciotola capiente mescolare velocemente le uova con lo yogurt, lo zucchero, la polvere di vaniglia, poi anche la farina e la fecola di patate setacciate con il lievito ed il sale.
 
Aggiungete anche il burro sciolto e raffreddato, mescolate bene, poi la marmellata di mandarini ed infine l’arancia candita e l’uvetta strizzata.
 
Se l’impasto vi dovesse sembrare troppo compatto aggiungete poco latte.
 
Versate nell’apposito stampo per muffin di cui avrete riempito ciascun foro con i pirottini di carta. Riempite fino a ¾ ed infornate a 180° per circa 20 minuti.
 
Fate sempre la prova stecchino al centro per verificarne la cottura.
 
Sfornateli e fateli raffreddare.
 
Preparate la glassa mescolando in una tazza lo zucchero a velo con del succo di limone, aggiungete poche gocce per volta mescolando così da fermarvi quando otterrete la densità desiderata.
 
Spennellate la superficie dei muffin e cospargete con la granella di zucchero.
Dolce

SUCCEDE CHE UN SABATO…..MUFFIN ALLE SUSINE E NOCCIOLE



Succede che un sabato di settembre non ci si muove perché ci sono troppe cose da fare a casa.

L’erba da tagliare (abbiamo tanti, troppi alberi forse e non è possibile piazzare un robotino a fare il lavoro sporco, si pianterebbe in qualche angolo di continuo..) piante da potare, nocciole da raccogliere…

Succede che con gli ultimi pomodori ciliegino dell’orto si riesca a fare una pasta gustosissima con le melanzane grigliate della sera prima.

Succede che finito di pranzare venga voglia di impastare, di accendere il forno.

“Mamma, facciamo dei dolcetti?”…è troppo bello impastare, frullare, sentire il profumo della cannella, del burro e leccarsi le dita che si sporcano con l’impasto…anche a Carola piace tanto.

Questi li ha preparati lei.

Che soddisfazione vederli gonfiare in forno…

Provateli! 

Sono molto semplici, ottimi per la colazione, ma anche con un buon caffè o the nel pomeriggio. 

Poi mi saprete dire!




….anche qualche foto della giornata di ieri, a casa, e va bene così.


Carola alle prese con burro e zucchero


MUFFIN ALLE SUSINE E NOCCIOLE

Ingredienti:

300 gr. Farina di riso biologica
100 gr nocciole 
10 susine
120 gr burro biologico
150 gr zucchero
3 cucchiaini di lievito in polvere
3 uova biologiche
3 cucchiai di latte di kefir
zucchero di canna qb
1 cucchiaino cannella
Sale integrale qb

Tritate le nocciole, lavate, togliete il nocciolo e tagliate a fettine  le susine; tenetele da parte.

Lavorate il burro morbido con una spatola fino a renderlo cremoso, aggiungete lo zucchero, le uova, un pizzico di sale.

Poi montate il composto con le fruste elettriche. Unite le nocciole tritate, la cannella, il latte di kefir e per ultima, poco per volta, la farina setacciata con il lievito.

Aggiungete all’impasto parte delle susine tagliate a piccoli pezzetti.

Riempite i pirottini nell’apposito stampo per muffin fino a ¾ (se li volete belli alti 12, con questo impasto io ne ho fatti 16, più bassini). 

Sistemate sopra ogni pirottino alcune fettine di susina e finite cospargendo con poco zucchero di canna.

Cuocete in forno già caldo a 180° per 35-40 minuti.





raccolta delle nocciole





Ginkgo Biloba, il mio albero preferito.




Eliot, ‘amico’

Pallocchio

Sammy

CONSIGLIA Couscous dolce con sorbetto al cetriolo