Browsing Tag:

ricette veneziane

Antipasti/ Pane & co/ Salato

Mozzarella in carrozza

 

Come credo accada un po’ a tutti, ci sono piatti, cose, profumi che mi ricordano l’infanzia, che mi portano indietro nel tempo. Quando, bimba in quel di Venezia, con la famiglia ci fermavamo in qualche bàcaro e quello che io e mio fratello chiedevamo sempre erano le polpette oppure la mozzarella in carrozza.

Sembra che le origini della mozzarella in carrozza portino a Napoli intorno all’800, preparazione nata come recupero del pane raffermo e della mozzarella avanzata che, piano piano, è poi entrata a far parte della tradizione gastronomica di tante altre regioni italiane.

La mozzarella veneziana è però diversa da quella che viene tradizionalmente preparata a Napoli.

Nella città partenopea viene comunemente utilizzato pane in cassetta o casereccio, una fetta di mozzarella tra le due fette (la ‘carrozza’ per l’appunto), passato il tutto nella farina poi nell’uovo sbattuto con poco latte quindi fritte.

La versione veneziana è un po’ diversa, si usa comunemente pan carrè o pane bianco da tramezzini, alla mozzarella viene aggiunto prosciutto crudo oppure acciuga e il risultato è più gonfio perché i sandwich di pane e mozzarella vengono passati in una pastella che va lasciata lievitare prima di essere fritti (sotto, a fine post, vi indico due locali storici dove si possono gustare delle ottime mozzarelle in carrozza).

Io ve ne propongo una versione casalinga leggermente diversa, senza l’utilizzo della pastella lievitata, sandwich bagnati nel latte, poi nell’uovo ed infine nel pangrattato, otterrete delle mozzarelle in carrozza leggere ed asciuttissime, una tira l’altra insomma!

Ricettina?

Continue Reading…

Greenery mood/ Primi piatti/ Salato

Risi e bisi

 

 

Un piatto che adoro. Riso e Piselli.

Io sono di parte.

Si, perché il riso lo amo tanto.

Questo poi è un piatto che, confesso, preparo anche in inverno con i piselli surgelati.

Non è la stessa cosa, ok…ma anche se non utilizzate i baccelli nella preparazione, viene buonissimo comunque.

Risi e bisi è una ricetta della tradizione veneta, se ne trovano diverse varianti soprattutto nelle zone di Venezia e Vicenza.

Tipico piatto primaverile ed estivo, proprio perché la ricetta originale prevede l’utilizzo dei piselli freschi e delle bucce. Non si butta nulla.

Tradizionalmente questo piatto veniva offerto al Doge il 25 Aprile, giorno della Festa di San Marco, ed è ancora diffuso nei territori anticamente dominati dalla Serenissima, Grecia, Turchia e Libano.

La cosa curiosa è che potrebbe anche essere un piatto di origine bizantina. La Serenissima aveva infatti intensi scambi commerciali con l’Oriente, dove il riso viene solitamente abbinato alle verdure.

Io di solito prediligo il Carnaroli per i risotti, in questa ricetta però, a metà strada tra la minestra ed il risotto, è consigliato l’utilizzo del Vialone nano, proprio per la sua caratteristica di assorbire bene il condimento.

Dovrete pertanto fare attenzione alla preparazione, portando il riso a fine cottura alla giusta consistenza, né troppo asciutto, né troppo brodoso.

Ricettina?

DSC_0401_risi_e_bisi

RISI E BISI

Ingredienti

Dose per 4 persone

1 kg di piselli freschi (con i baccelli)

1 lt ca di brodo vegetale (carota sedano e cipolla)

1 cipolla dorata

350 g riso (preferibilmente Vialone nano)

40 g burro biologico

60 g pancetta in una sola fetta

prezzemolo fresco qb

50 g Grana Padano grattugiato

olio evo qb

sale qb

pepe bianco qb

Preparazione

Preparate un brodo vegetale con una carota, una costa di sedano e una cipolla.

Sgranate i piselli e metteteli da parte. Lavate bene i baccelli (bucce dei piselli) e lessatele per circa mezz’ora in acqua salata; scolateli, frullateli a passate la purea ottenuta al setaccio. Aggiungete questa purea al brodo vegetale che avete preparato (io ne metto solo una parte).

In una pentola dal fondo spesso fate rosolare la cipolla tritata con poco olio evo. Unite la pancetta tagliata a dadini, fate rosolare per qualche istante e poi unite il riso. Fatelo tostare bene, quindi aggiungete anche i piselli sgranati. Iniziate a bagnare con il brodo caldo, un mestolo alla volta.

Portate il riso a cottura, aggiungendo il brodo poco per volta, man mano che quello aggiunto in precedenza sarà ben assorbito. Toglietelo dal fuoco al dente e non asciutto, deve rimanere bello morbido.

Mantecate con il burro ed il Grana Padano, unite il prezzemolo fresco, una grattugiata di pepe e servite subito.

NOTE:

La ricetta originale prevede l’utilizzo di vino bianco secco per sfumare il riso. Io non amo molto il vino in questo risotto e non lo utilizzo.

 

DSC_0398_risi_e_bisi

 

A presto gente!

 

roby-antracite-300x75

 

Biscotti e Frolle/ Colazione e merenda/ Dolce

Galani di farro al forno (Chiacchiere)

  
No, no, davvero.
Di friggere non ho voglia in questi giorni.
Poi mi puzza la casa per una settimana e con la scusa di questi benedetti open space, la puzza te la ritrovi ovunque, e le tende puzzano per settimane.
E i capelli?
Ecco, mi tocca rilavarmi pure i capelli, ché detesto andare in giro con la puzza di fritto addosso!
Insomma, io ve lo confesso, se ho voglia di una frittella, questo carnevale, io vado in uno dei miei posticini preferiti e me la mangio già bell’e pronta, ecco.
Ma i galani (si pronuncia senza la ‘l’, gaeani).
Intanto, per chi non lo sapesse ancora, a Venezia si chiamano così, quelli che in altre parti d’Italia vengono chiamati crostoli (a Treviso), chiacchiere, frappe, cenci…e chi più ne ha…
Tornando ai galani, li ho visti più volte in vendita in negozi e pasticcerie con la dicitura ‘cotti in forno’….
Poi succede che li vedo in vendita anche nel supermercato di prodotti biologici, preparati con farina di farro e sempre cotti in forno…insomma, io li dovevo fare, ecco.
Ispirata da una ricetta che ho trovato nel mensile di ricette che trovo alla Coop “fior fiore IN CUCINA” (febbraio 2014), ho deciso di provare a farli!
Io ho modificato la ricetta secondo i miei gusti, e secondo ciò che avevo in casa!
La ricetta prevedeva solo farina, e di tipo ’00’, io invece ho usato farina di farro con aggiunta di poco amido poi, dato che non avevo in casa nemmeno un limone, ho usato il lime ed invece di mettere il Marsala (che non mi piace tanto…) ci ho messo il rum (quasi dei mojito galani insomma), ma ci sarebbe stata benissimo anche la grappa, che qui in Veneto usiamo molto nei dolci.
Io li volevo rusticotti, non troppo sottili, come quelli che ho assaggiato al super biologico insomma…quindi ho tirato la sfoglia a mano, con il mattarello.
Se li volete più sottili, è preferibile tirare la sfoglia con macchina per la pasta!
Allora cosa fate? Li provate?
Buon fine settimana!!

 

Continue Reading…

Salato/ Secondi di carne

Costine di maiale e verze ‘soffocate’ (costesine e verse ‘sofegae’)


Avete presente i piatti che vi fanno ritornare bambini?
Quelli che te li trovi davanti e pensi alla tua mamma in cucina che ti serviva questo bel piattone fumante?
Ecco, questo per me è uno dei piatti che mi fanno tornare indietro nel tempo.
Quelli che, quando ne sentivi il profumo arrivando a casa, ti veniva il sorriso da un orecchio all’altro, e la felicità di mettersi a tavola era tanta.
 


Immagine da Pinterest
 
 
Si, è vero, in cottura hanno un odore forte che o si ama o si detesta….beh, io amo tutto quello che puzza, cavoli, cavolfiori, broccoli e broccoletti…
Poi fanno un gran bene, quindi come non approfittare della loro presenza in questa stagione dell’anno?
Ricordiamolo sempre, la natura non fa nulla per caso.
Ogni stagione ha i suoi frutti e c’è sempre un perché.
Le verse ‘sofegae’ sono uno dei contorni invernali più tradizionali nella cucina veneta. E’ perfetto per accompagnare carne dal sapore forte, tipo le costicine di maiale o le salsicce.
Questa è la ricetta di mia mamma.
La ricetta per la cottura delle verze è presente anche in un libro di cui vi ho già accennato in passato e che mi piace molto, i ‘Sapori del Veneto’ di Rosalba Gioffré.
Allora che si fa?
Pronti, VIA!
 

COSTINE DI MAIALE E VERZE ‘SOFFOCATE’ (COSTESINE e VERSE ‘SOFEGAE’)
Ingredienti:
8 costicine o costine di maiale
1 verza di circa 1,5 kg
alcune fette di lardo (facoltativo, previsto nella ricetta originale)
Olio EVO qb
Rosmarino qb
2 spicchi d’aglio
½ cipolla
Vino bianco qb (1 bicchiere ca)
Sale rosa dell’Himalaya qb
Pepe nero qb
 
 
 
 
 
 
 
In una padella fate soffriggere lo spicchio d’aglio schiacciato con poco olio EVO, unite le costicine e fatele rosolare per circa 20 minuti avendo cura di rigirarle durante la cottura.
Eliminate le foglie più dure della verza, tagliatela a metà, lavatela bene ed affettatela sottile (a listarelle), avendo cura di eliminare anche la parte centrale più dura.
In una padella capiente (una volta tagliate, le verze saranno ‘voluminose’), fate soffriggere l’aglio e la cipolla tritati (ed il lardo, se decidete di metterlo), con poco olio EVO.
Versate la verza nella padella, salate e fate cuocere a fuoco lento, coperta, avendo cura di mescolare spesso affinché non si attacchi al fondo.
Unite il vino  e continuate la cottura a fuoco basso per circa un’ora, in questo modo si cuoceranno quasi fino a disfarsi.
Fate attenzione a non caramellarle né farle brunire troppo, devono stufarsi ma rimanere chiare.
 
 
 
 
 
 
 
 
Poi unite il rosmarino (due rametti) e le costicinedi maiale, precedentemente rosolate a parte.
Lasciate cuocere ed insaporire lentamente, coperto, per un’altra mezz’ora.
A fine cottura pepate.
Servite ben caldo.
Accompagnate a piacere con della polenta gialla.

SOFEGAE: SOFFOCATE ovvero cotte a fuoco molto lento e con coperchio.
 
 


 
 
 
 
Curiosità e Proprietà della verza:
La verza, o cavolo verza, era già molto usata nell’antichità e, grazie alle sue proprietà, veniva considerata una pianta medicinale a tutti gli effetti.
Ha origine nel bacino del Mediterraneo e, nell’antica Roma, veniva consumata prima dei banchetti per favorire l’assorbimento dell’alcool da parte dell’organismo.
La sua coltivazione, presente soprattutto nell’Italia Settentrionale, avviene in pianura ma anche in zone collinari e di montagna.
Ha delle proprietà fantastiche.
Come gli altri ortaggi della famiglia a cui appartiene, le Crucifere (broccoli, cavolfiori, rucola, rape, ravanelli..) ha un’azione protettiva (dimostrata da studi della Comunità Scientifica) nei confronti dei tumori.
Contiene inoltre diverse sostanze antiossidanti, come i polifenoli, i carotenoidi ed il sulforano.
Quest’ultima sostanza, il sulforano, è al centro degli studi per le sue potenti capacità antitumorali. Sembra infatti sia in grado di inibire la crescita delle cellule cancerogene.
E’ di molto aiuto inoltre per le persone affette da diabete in quanto contribuisce a riparare i danni all’apparato cardiovascolare provocati dall’iperglicemia.
Altri benefici?
La verza, o cavolo verza è antinfiammatorio, rinforza il sistema immunitario, ottima per le diete, previene l’Alzheimer, è un ottimo supporto per la digestione e l’intestino, ottima per la cura della pelle.
Unica attenzione: la verza è controindicata per chi soffre di ipotiroidismo.
(Info tratte da libri, riviste e dal web.)
 
 
 
Biscotti e Frolle/ Cioccolato/ Diario/ Dolce

Baicoli e cioccolata calda speziata … e vi racconto una storia

I Baicoli.
Sono i biscotti che più mi ricordano Venezia.
Dei biscotti tipici veneziani, sono certamente i più semplici, ma anche quelli che richiedono la lavorazione più lunga e complessa.
A Venezia, oltre che con il caffè, i baicoli per tradizione s’accompagnano meravigliosamente con lo zabaione, ottimi utilizzati come cucchiaini per mangiare la panna montata, oppure serviti con la cioccolata calda e speziata, o in accoppiata a vini dolci o liquorosi (in tempi antichi con il vino di Cipro).
Vengono prodotti da una nota azienda alimentare e si possono acquistare in una fascinosa scatola di latta.
Sulla scatola dentro alle quali vengono venduti, si possono leggere questi versi:
“No gh’è a sto mondo, no, più bel biscotto, più fin, più dolce,
più lisiero e san per mogiar nela cìcara
o nel goto del Baicolo nostro Veneziàn” 
Parole di Giuseppe Boerio, autore de “Il Dizionario del dialetto veneziano”, che tradotte…
 
“Non c’è a questo mondo, no, più bel biscotto, più sottile, più dolce,
più leggero e sano da intingere nella tazzina
o nel bicchiere del baicolo nostro veneziano” .
E allora perché non provare a farli in casa?
La ricetta arriva da un libro di ricette venete “I Sapori del Veneto” di Rosalba Gioffré.

Secondo me con una buona tazza di cioccolata calda e speziata è la morte sua!

Insieme a questa ricetta, oggi, mi andava di raccontarvi una storia.
Una storia che parla di Venezia, ma anche un po’ di me.
Nel 1984, alla porta di casa della mia nonna paterna, bussò una suora, Suor Angela Maria Bovo, nata negli Stati Uniti da genitori veneti.
La mamma, Angelina Cian, sorella maggiore della mia nonna, dopo essersi sposata, nel 1906 emigrò negli Stati Uniti insieme al marito, Antonio Bovo.
Per alcuni anni rimase in contatto con la famiglia rimasta in Italia, ma dopo la Prima Guerra Mondiale, le sorelle in Italia persero i contatti con Angelina.
Riuscirono ad avere un’unica notizia nel 1950, dal Consolato Italiano a S. Francisco, notizia che comunicava la morte del marito di Angelina, Antonio Bovo, ma non riuscirono a sapere più nulla della sorella né dei loro figli.
Una delle figlie, Suor Angela, rimasta orfana in tenera età, voleva sapere di più sulle sue origini italiane e, ottenuto dai superiori il permesso di compiere un viaggio in Italia, a Venezia trovò ancora in vita due anziane zie, sorelle della mamma: zia Elisa di 88 anni e zia Giulia di 80, la mia nonna.
Giunta in visita dalla mia nonna insieme ad un’interprete, scoprì che sua madre, Angelina, nel 1896 fece da modella, in modo del tutto casuale, per un pittore, Roberto Ferruzzi (1853-1934).
La mia nonna le raccontò che nel 1896 la famiglia si era temporaneamente trasferita sulle colline vicino a Padova, sui Colli Euganei, più precisamente a Luvigliano.
Fu li che Roberto Ferruzzi vide un giorno Angelina, allora undicenne, che portava in braccio il fratellino.
Ferruzzi era un giovane artista e, colpito dalla bellezza che creavano la ragazzina ed il lattante, ne fece il ritratto, chiamando il quadro “Madonnina”.
Con questo quadro, l’anno successivo, vinse la Seconda Biennale di Venezia.
L’opera venne acquistata per 30.000 lire, una cifra astronomica per quei tempi.
In seguito fu acquistata dai Fratelli Alinari, proprietari della nota casa fotografica, i quali, prima di rivenderlo, si riservarono il diritto di riproduzione.
Dell’originale si sono poi perse le tracce.
Sembra sia stato acquistato da un americano durante la seconda guerra mondiale, e che sia andato perduto con l’affondamento della nave che lo trasportava in America.
La salvezza dell’opera sono le riproduzioni fotografiche dei Fratelli Alinari, che ce l’hanno fatta conoscere in mille riproduzioni.
A seguito della visita di Suor Angela, ho conosciuto altri componenti della grande famiglia americana.
Sono stata in visita nel 1990, ed ho incontrato uno dei figli di Angelina ed Antonio, Arturo, nonno di Christine e Kimberley Bovo, che mi hanno ospitata, con le quali sono tuttora in contatto, e che spero di rivedere presto.
Ecco, con baicoli e cioccolata calda, oggi anche un po’ di me.

Continue Reading…

Dolce/ Dolci da credenza e crostate/ Torte

Torta sabbiosa con crema mascarpone e salsa di mango

 

Si, confesso, l’ho fatta la casetta di pan di zenzero.
Ed è stata un’avventura!
L’ho fatta sullo stile di una vista in un libro che ho a casa, un po’ nordica, con decori essenziali.
Mi sono preparata le mascherine per ritagliarla, ma non ho pensato al montaggio, né alla forza di gravità…
Quando mio marito mi ha vista alle prese con la sac à poche della ghiaccia reale, nel tentativo di fissare il tetto, mi ha subito detto “Scusa ma un tetto un po’ meno spiovente no vero?”…
Insomma, sono diventata pazza per farla star su…l’ho tenuta ferma con le mani per un po’, legata, ed infine puntellata con gli stuzzicadenti manco fosse un edificio a rischio crollo.
Beh, il rischio c’era a dire il vero!
Ma ho vinto io!!! Eh, eh, eh…
E’ moooolto semplice, direi quasi minimal!
Vi lascio la foto del mio strampalato edificio più sotto, ma non è questa la ricetta che accompagna i miei AUGURI DI NATALE.
Del resto la ricetta è un semplice biscotto tipo questi qui, a cui ho aggiunto solo del miele ed altre spezie, il cardamomo, la noce moscata ed i chiodi di garofano…
I miei AUGURI con la ricetta di questa torta.
Una torta della tradizione veneta, che io amo molto.
Semplice ma davvero buona, e molto versatile.
Versatile perché si presta ad essere mangiata così, da semplice inzuppo, ma è perfetta anche per essere farcita, e servita con una buona crema, diventa un dessert davvero elegante e d’effetto.
Io ve la presento con una crema mascarpone aromatizzata alla vaniglia ed una salsa di mango allo zenzero.
 
“Il vero Spirito del Natale alberga nel tuo cuore”
 
Polar Express
 
 
 
Vi auguro di passare delle festività serene con i vostri cari.
Con semplicità, calore ed affetti veri.
AUGURI A TUTTI!

TORTA SABBIOSA con CREMA MASCARPONE e SALSA DI MANGO

Ingredienti

Torta Sabbiosa

260 g burro biologico
170 g farina di mais gialla fioretto
160 g fecola di patate
260 g zucchero semolato
5 uova biologiche
1 bustina di polvere lievitante biologica (cremor tartaro)
½ cucchiaino di polvere di vaniglia biologica
1 limone biologico (buccia grattugiata)
Crema mascarpone alla vaniglia (per 4 persone)
1 tuorlo d’uovo biologico
100 g panna fresca
250 g mascarpone
100 g zucchero semolato
40 g ca acqua
½ cucchiaino polvere di vaniglia biologica
Salsa di mango (per 4 persone)
1 mango
2 cm di zenzero fresco grattugiato
foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 


Torta Sabbiosa
Accendete il forno a 180°.
Sciogliete il burro in un pentolino, versate la farina di mais e fatela tostare per un paio di minuti, poi togliete dal fuoco e fatela raffreddare nel pentolino (intanto il mais continuerà a cuocere).
Separate i tuorli dagli albumi.
Montate gli albumi a neve ferma e tenete da parte.
Montate i tuorli con lo zucchero ed aggiungere al composto di burro e farina di mais.
Aggiungete la vaniglia, il lievito, la buccia di limone e gli albumi montati a neve ferma, mescolando dall’alto verso il basso per non smontarli.
Incorporate anche la fecola di patate mescolando delicatamente.
Versate in una tortiera precedentemente foderata di carta forno oppure imburrata ed infarinata, livellate bene l’impasto aiutandovi con una spatola e cuocete in forno ben caldo a 175-180° per circa un’ora.
Sfornate e fate raffreddare.
foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 



 
Crema mascarpone alla vaniglia
Montate il tuorlo con 30 gr di zucchero.
Mettete l’acqua ed il restante zucchero in un pentolini e portateli a bollore (121°) versatene a filo circa ¾ sul tuorlo montato (il restante lo utilizzerete per la salsa di mango) continuando a frullare fino a che si sarà raffreddato.
Aggiungete il mascarpone e lavorate bene, per ultima la panna montata con la polvere di vaniglia.
Salsa di mango
Sbucciate il mango e frullate la polpa insieme allo zenzero grattugiato, unite lo sciroppo che avete avanzato per la preparazione della crema di mascarpone e mescolate bene.
Servite la torta con della crema mascarpone e la salsina di mango allo zenzero.
Per finire sono perfetti dei lamponi.




foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 
foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 

 

 
Dolce

RICICLO ‘VENEZIANO’ E….TORTA NICOLOTTA (DI PANE)








Oggi vi propongo un dolce tipico veneziano, di riciclo, povero.
 
Prende il nome dalla Parrocchia di San Nicolò dei Mendicoli (mendicanti), una delle più antiche chiese di Venezia (VII sec.), con campanile duecentesco e dipinti della scuola del Veronese, nella cui antica comunità, fatta per lo più di gente umile (pescatori e artigiani), era usanza fare questo dolce.
 

Questa torta veniva preparata per la festa di San Nicolò, parrocchia dei Nicolotti, antichi rivali degli abitanti di Castello, i Castellani.

A base di pane raffermo, è un dolce povero, un riciclo del pane raffermo.

Si dice che, nei tempi passati, la Nicolotta fosse distribuita al venerdì mattina presso tutti i conventi di Venezia, ai poveri della città.

Dolce povero si, ma ricco di sapore grazie agli aromi, ai semi di finocchio e alla grappa che non manca quasi mai nei dolci tradizionali veneti.

Io alla ricetta originale faccio diverse aggiunte a seconda della frutta secca che ho in dispensa…in questo caso ho aggiunto anche le gocce di cioccolato ed il cardamomo…

..lo so, avete ragione, non è più una torta Nicolotta, è più una Torta dei Dogi adesso…ma, facciamo così, vi lascio la ricetta originale e le mie aggiunte / modifiche, poi fate un po’ voi ;-)!


Buon giovedì! ^_^

 


TORTA NICOLOTTA (DI PANE)
 
Ingredienti:
 
400 g pane raffermo (io di cereali e integrale)
½ lt latte (ricetta originale 1 lt latte, no acqua)
½ lt acqua
3 uova biologiche (ricetta originale 5)
40 g burro (ricetta originale 100 gr)
120 g zucchero di canna (ricetta originale 220 gr zucchero semolato)
120 g uvetta (ricetta originale 200 gr)
Scorza grattugiata 1 limone(io no)
1 dl rum
pane grattugiato per spolverare (io no)
 
Mie aggiunte
2 cucchiai zucchero integrale Mascobado
100 g albicocche secche
2 manciate mandorle a lamelle
2 cucchiai gocce di cioccolato
3 bacche cardamomo
 




Versate il rum in una ciotola e mettete ad ammollare sia l’uvetta che le albicocche secche tagliate a pezzetti.
 
Tagliate il pane a pezzetti piccolissimi e mettetelo in una terrina capiente. Fate bollire il latte mescolato con l’acqua, spegnete il fuoco e scioglietevi lo zucchero ed il burro, quindi versatelo sul pane raffermo.
 
Quando il latte sarà assorbito completamente (dopo circa ½ ora), unitevi anche le uova leggermente sbattute, e la frutta secca ammollata e strizzata. Unite anche le gocce di cioccolato, le mandorle e le bacche di cardamomo di cui avrete polverizzato i semini.
 
Mescolate bene e versate in una tortiera foderata di carta forno (io 24 cm).
Io non ho utilizzato il pane grattugiato, ma ho cosparso la superficie con zucchero di canna.
 
Infornate a 180° per circa 1 ora.
 
E’ ottima fredda.


[Foto: Chiesa di San Nicolò - piantina]
San Nicolò dei Mendicoli, Campo San Nicolò, 1907 Dorsoduro  – Venezia
Venezia - San Nicolò
Germano Manganaro – Flickr

                                        Foto dall’album di Germano Manganaro

Vorrei segnalarvi un blog di cui ha parlato Ely.

Non appena ho letto la presentazione di Ely sono corsa a trovare Elisabetta e Chiara, perché ho conosciuto alcune famiglie con il problema dell’autismo e so che non è certo semplice affrontare questa realtà. 


Il loro blog è davvero speciale, e vi riporto solo un passaggio della loro presentazione, è meglio di qualsiasi presentazione che io potrei fare:

“Perché questo non è un blog che parla solo di moda, ricette di cucina, libri, musica e tutto ciò che può essere legato al turismo.

E’ un blog che sempre, in qualsiasi istante, non dimentica cosa vuol dire vivere giorno dopo giorno con una persona autistica; sa quanta fatica, quanto impegno e quanto sacrificio siano necessari.

E’ un blog che, fra una ricetta e l’altra, fra un rossetto ed un trucco all’ultima moda, vi parlerà anche di scene di ordinaria vita quotidiana con un ragazzino autistico di 12 anni, Luca, il figlio di Elisabetta.”

Vi invito a visitare ed a far conoscere Turismo, autismo & dintorni by Wisteria Blue.



Grazie!

 

Dolce

TIRAMISU’ con SAVOIARDI HOME MADE…e UOVA PASTORIZZATE

 
Buon lunedì!!!
Oggi voglio iniziare la settimana dolcemente. Tanto dolcemente.
Il nome è già un programma, in veneto tirame sù
 
E io la settimana scorsa ne avevo un gran bisogno, di tirarmi sù!
 
Questo è il dolce che io amo da impazzire, sulla cui paternità ci sono tante teorie, ma sembra ci siano buone possibilità che sia stato creato intorno agli anni ’60 in un ristorante storico di Treviso, qualche info qui.  
 
La ricetta originale prevede i savoiardi, ma c’è chi lo fa con il Pan di Spagna, chi con i Pavesini (provato, e viene molto buono anche così) ma, credete, con i savoiardi fatti in casa è tutta un’altra storia.
Poi sono facilissimi da preparare, la cosa più difficile è disporli sulla placca del forno con la sac à poche.
 
Onestamente, l’ho sempre preparato con le uova crude, seguendo la ricetta tradizionale ma, dopo aver letto qualche tempo fa il post della mia cara amica Monica del blog L’Emporio 21, ho voluto provare a pastorizzare le uova, anche per verificare se la consistenza ed il gusto della crema cambiavano, oppure no.
Monica aveva perfettamente ragione, non cambia affatto e con questa tecnica si prevengono i rischi di eventuali infezioni da salmonella, che potrebbe essere contratta mangiando uova crude.
 
Dato che erano previste nevicate, ieri non abbiamo portato gli sci, solo quelli di Carola che la mattina aveva tre ore di corso.
 
Avevamo voglia di portare con noi amico peloso, Eliot, che si è divertito davvero tantissimo. E devo confessare, anche noi a vederlo giocare con i bambini.
 
Buon inizio settimana!!!

TIRAMISU’ con SAVOIARDI HOME MADE
 
Ingredienti:
16 savoiardi grandi home made (ricetta qui)
3 uova biologiche (di cui si utilizzano 3 tuorli e 1 albume)
150 g zucchero di canna
caffè (l’equivalente di 1 moka da 6)
½ bicchierino rum (o marsala, se preferite)
50 g acqua
500 g mascarpone
cacao amaro qb



 
 




Preparate il caffè, versatelo in un piatto fondo, unite il rum e fatelo raffreddare.
Procedete con la pastorizzazione delle uova.
 
Separate i tuorli dagli albumi e conservatene soltanto uno, che monterete a neve con un pizzico di sale.

Poi montate i tuorli con 50 gr dello zucchero della ricetta, finché non saranno ben gonfi. Teneteli da parte.

Versate i restanti 100 gr di zucchero e l’acqua in un pentolino e mettetelo sul fuoco, a fiamma media, dovrebbe raggiungere i 121°.

Ovviamente non tutti dispongono del termometro, io ad esempio (rettifica postuma: comperato!)
, quindi usate un metodo casalingo, cioè controllate lo sciroppo, quando inizierà a fare le bolle ed a prendere un colore un pochino ambrato, spegnete, temperatura raggiunta!

Versate ½ di questo sciroppo negli albumi montati e continuate a sbattere con la frusta elettrica finché gli albumi saranno ben gonfi e raffreddati.
 
Rimettete sul fuoco lo sciroppo affinché ritorni a temperatura.
 
Versatelo nei tuorli e sbattete fino a rigonfiare il composto e a farlo raffreddare.
 
Amalgamate i due composti insieme con una spatola mescolando dall’alto verso il basso.
 
Lavorate il mascarpone con una spatola ed unitelo alle uova pastorizzate, mescolando bene.



 



 
Procedete adesso a comporre il dolce. 

Immergete velocemente i savoiardi nel caffè e disponeteli nella teglia (io 20 x 30 cm) cercando di non lasciare spazi vuoti, versate uno strato di crema e spalmatela bene su tutta la superficie aiutandovi con la spatola, poi ancora savoiardi e finite con uno strato di crema lisciandolo meglio che potete con la spatola. 
 
Cospargete abbondantemente con il cacao amaro e riponete in frigorifero.
 
Io con questi savoiardi, che sono abbastanza spessi, faccio due strati e viene bello alto. 
 
Poi, poco prima di servirlo (è molto più buono se consumato il giorno successivo alla preparazione), lo cospargo nuovamente di cacao perché tende ad inumidirsi.



 
Neve…
 



amici…


 


da sette anni con noi…


 




 
 


CIAO!!! ;-D
Salato

DECESSO DELLE FRUSTE ELETTRICHE E….BIGOLI IN SALSA DI CIPOLLE E ACCIUGHE

 





Mi ha abbandonata anche il mio storico sbattitore elettrico… un DeLonghi che mi ha passato mia mamma una vita fa, e che già era vecchiotto allora..
 
A dire la verità non è morto lo sbattitore, lui funziona perfettamente.
 
E’ successo che mentre sbattevo i tuorli (li stavo pastorizzando per la crema al mascarpone del tiramisù) si è staccato un ferretto di metallo della frusta…poi un altro ancora….morale? Tuorlo d’uovo un po’ ovunque…anche in faccia.
 
Insomma altro elettrodomestico nella mia lista ‘desideri’…anzi, in questo caso non solo desiderati ma anche necessari, ché adesso ho soltanto le fruste dello sbattitore ad immersione, ma la velocità è standard, non regolabile, e poi mi tocca star lì con il dito a tener premuto il tasto e quando devi sbattere uova per 15-20 minuti ti viene il crampo alla mano…
 
Per festeggiare la soluzione del problema con il blog (anche google chrome è a posto, ripristinato tutto!) ieri sera ho preparato i savoiardi (e prima di andare a letto, ci ho messo sopra una bella scritta ‘NON MANGIARE’, ché sennò i lupi qui dentro….e questa mattina ho preparato il tiramisù. 
 
Prossimamente lo posterò. Il mio dolce preferito, insieme alle crostate, alle torte di mele..etc, etc.
 
Oggi vi propongo una pasta tipica, i bigoli in salsa.
 
Con delle modifiche dettate anche dalla disponibilità della dispensa. Le acciughe sotto sale non le avevo quindi li ho preparati con le acciughe sott’olio, vengono buoni anche così.
 
E’ un piatto tradizionale dei giorni di astinenza e digiuno, come la vigilia di Natale, il mercoledì delle Ceneri o il venerdì santo, ed oggi sono considerati un piatto prelibato. 
Secondo me, è un piatto prelibato.
 
I bigoli si possono fare anche in casa, ma bisogna attrezzarsi, perché serve il ‘bigolaro’, l’attrezzo per produrre i bigoli, ne ho trovato uno qui, ma è leggermente ingombrante, e non è che io faccia bigoli tutti i giorni. 
Se ne trovo uno di dimensioni più casalinghe, mi piacerebbe averlo.
 
Spero vi piacciano i sapori decisi..qua cipolle e acciughe sono decisi eccome!
 
Vi auguro un felice week end, io domani non ci sarò, oggi giornata intensa, con tante cose da fare, e stasera a nanna presto che si va in montagna, ci risentiamo lunedì!
 
CIA GENTE!


 

BIGOLI IN SALSA DI CIPOLLE E ACCIUGHE

 

Ingredienti per 2 persone:
 
160 gr di bigoli
250 gr di cipolle (io dorate)
50 gr di acciughe sotto sale (io acciughe sott’olio)
40 gr burro (io olio evo)
Prezzemolo fresco
Sale rosa dell’Himalaya qb
Pepe qb




 
Affettate le cipolle e mettetele in un tegame con 3 cucchiaiate di olio evo, copritele poi con acqua calda e fatele sobbollire per 30-40 minuti, comunque finché saranno sfatte. 
 
Se si dovessero asciugare troppo in cottura aggiungete ancora acqua calda.
 
Se utilizzate le acciughe sotto sale, lavatele, diliscatele, asciugatele, e tritatele finemente poi unitele alle cipolle, se usate invece quelle sottolio aggiungetele semplicemente  alle cipolle e rimettete tutto sul fuoco ancora per un po’,  si disferanno completamente.
 
Regolate di sale e pepe ed aggiungete il prezzemolo tritato.

Cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolatela e conditela subito con la salsa calda. 
 
 
Dolce

EPIFANIA, DISPARITA’ E…..PINZA DEA MARANTEGA

 DSCN3574_pinza_pirofila
 
La befana vien de note
co e scarpe tute rote
col, vestito da romana
viva, viva ea befana.

 

La pinza è un dolce veneto molto antico e tipico dell’Epifania.
 
La Befana a Venezia la chiamamo Marantega ed il giorno dell’Epifania si svolge una straordinaria regata in costume, la Regata delle Befane.
 
Si tratta di una simpatica regata tra i vecchi soci della più antica società di canotaggio di Venezia, la Bucintoro.
 
Cinquanta uomini, travestiti da befane si sfidano nel tratto centrale del Canal Grande da San Tomà fino al Ponte di Rialto.
 
L’arrivo è rappresentato da una calza gigante appesa per l’occasione al celebre ponte di Rialto.
Di Pinza ne esistono molte ricette e versioni, ma gli ingredienti principali sono comunque la farina gialla e la frutta secca.
 
Questa è la mia versione, presa un po’ dalla ricetta della mia mamma, un po’ da ricette lette in varie riviste e libri, senza strutto e con la grappa per ammollare la frutta secca.
 
Poi una striscia di Silvia Ziche, chi legge qualche volta Donna Moderna la conoscerà già…io la adoro…
Sapete già che sono una che tiene tutti i pizzini dalle riviste, beh, ho tutta una raccolta delle sue vignette.
 
Come non postare questa che è attualissima in tema sia di Befane che di disparità tra uomini e donne???
 
Vi auguro una felice domenica gente!

PINZA DEA MARANTEGA
Ingredienti
150 g farina di mais fioretto
100 g farina di farro (o altro tipo)
80 g zucchero di canna ( + poco per cospargere la torta)
70 g burro biologico
750 ml latte
50 g uvetta
50 g arancia candita
20 g zenzero candito
9-10 fichi secchi
½ mela
100 ml grappa
1 cucchiaino semi di anice
1 cucchiaino semi di finocchio
½ bustina lievito vanigliato
Sale un pizzico
IMAG6065_pinza
 



Mettete tutti i canditi, i fichi secchi tagliati a pezzetti, l’uvetta ed i semi di anice e finocchio in una ciotola, versate la grappa, mescolate bene e lasciate insaporire.
 
Scaldate il latte in una pentola con il sale.
 
Raggiunto il bollore, versate le farine a pioggia mescolando con la frusta per evitare si formino grumi (dovrebbe avere la consistenza di una polentina, se troppo compatto aggiungete latte qb).
 
Continuate la cottura per una decina di minuti, mescolando bene con un cucchiaio di legno.
 
Togliete dal fuoco ed aggiungete il burro a pezzetti, lo zucchero e la mela tagliata a dadini, mescolate bene quindi unite anche la frutta secca ammollata con la grappa, ed il lievito sciolto in 4 cucchiai di latte tiepido.
Versate l’impasto in una tortiera rettangolare di ca. 20×30 cm rivestita di carta forno, cospargete con dello zucchero di canna ed infornate a 180° per circa 50-60 minuti. Deve fare una bella crosticina sopra. (Per evitare che indurisca o scurisca troppo per metà cottura coprite con un dell’alluminio)
 
Va consumata tiepida o fredda.
RSCN3585_Pinza_ marantega

Silvia Ziche…
 
 
 roby-antracite-300x75
 
Biscotti e Frolle/ Dolce/ Travel

Bussolà de Buran

   


Leggevo poco tempo fa un articolo che si intitolava ‘Figli della modernità, malati di poca natura’.Vi ricordate che qui, vi ho spiegato dei ‘pizzini’ che io ritaglio abitualmente da tutte le riviste e che poi mi leggo e/o rileggo con calma?Questo è uno dei tanti ‘pizzini’. Si perché non strappo solo ricette, io lo so che finirò i miei giorni sommersa dai miei pizzini.

Per la precisione questo l’ho strappato da un inserto ‘Settegreen’ del Corriere.Sara Gandolfi inizia l’articolo scrivendo: “Mai ascoltato in silenzio i suoni di un bosco? Mai camminato a piedi nudi sull’erba di un parco cittadino?”.

Affronta un tema davvero interessante: il ‘Nature deficit disorder’, ovvero disturbo da carenza di natura, termine coniato qualche anno fa dallo scrittore americano Richard Louv autore de ‘L’ultimo bambino nei boschi’ (che voglio leggere).

Non è il nome di una vera e propria malattia, ma di un rapporto mancato con la natura, con l’ambiente.

In poche parole ci sono studi che confermano che il nostro stato di salute mentale, fisica e spirituale è direttamente collegato al legame che abbiamo con il mondo naturale.

Che problemi quali obesità, disattenzione, depressione, ansia, noia, svogliatezza possono essere trattati in modo efficace, incentivando e favorendo il rapporto tra i bambini/ragazzi e la natura.

Per cui non sono sufficienti soltanto una buona alimentazione ed un buon sonno per essere in buona salute, ma è essenziale anche il contatto con il verde.

E’ provato da varie ricerche scientifiche che i bambini che vivono a contatto con la natura, rispetto a quelli che restano spesso chiusi a casa, davanti a TV e PC, hanno maggiore capacità di osservazione, ragionamento, sono sensibilmente meno inclini al bullismo e, cosa secondo me meravigliosa, sanno stupirsi. Capacità che spesso sembra davvero perduta.

 

Continue Reading…

CONSIGLIA Tartellette con confettura di latte e miele