Browsing Tag:

torte salate

Antipasti/ Piatti unici/ Salato

Galette di avena con carciofini alla menta e feta

“La terra è un bel posto e per essa vale la pena di lottare.”
(Ernest Hemingway)

Vi siete accorti della novità?

Nuovo look per il blog.

Non è del tutto sistemato, no, no.

Io sono diversamente tecnologica e ci vorrà qualche giorno prima che prenda la ‘forma’ che desidero dargli.

Passo al volo perché come ogni fine settimana ho una valanga di cose da fare!

Oggi è la #GiornataMondialedellaTerra e mi sembrava giusto lasciarvi una ricettina un po’ green.

Continue Reading…

Antipasti/ Piatti unici/ Salato

Quiche di riso e orzo agli agretti e provolone

 

“L’uomo veramente libero è colui che rifiuta un invito a pranzo

senza sentire il bisogno di inventare una scusa”

Jules Renard

Non so se è così anche per voi, ma per me la primavera è la stagione della rinascita, la attendo sempre con tanta impazienza.

È la stagione delle passeggiate, delle corsette mattutine, delle erbette spontanee da raccogliere, della frutta colorata, dei fiori e dei profumi nell’aria.

Le giornate decisamente più lunghe e tante ore in più da potersi godere all’aria aperta.

In primavera, in cucina, ci si può davvero sbizzarrire con frutta e verdura; andare a fare la spesa è un vero piacere, tante sono le verdure e i legumi freschi a disposizione.

Gli agretti, noti anche con il nome di barba di frate, sono una verdura tipica primaverile, un vero toccasana per la salute, disintossicanti e poveri di calorie, si possono anche mangiare crudi.

Io li preferisco lessati o cotti al vapore, conditi semplicemente con sale, pepe, olio e limone; si prestano molto bene alla preparazione di quiche, torte salate e frittate.

Questa quiche la potete servire come antipasto, magari insieme ad una insalata con rucola e misticanza, oppure anche come secondo o piatto unico accompagnandola ad una insalata magari un po’ più robusta.

Ricettina?

 

DSC_0487_quiche_agretti_provolone

 

QUICHE DI RISO E ORZO AGLI AGRETTI E PROVOLONE

Ricetta brisée di M. Roux dal libro “Frolla e Sfoglia”

Ingredienti

Pasta brisée

150 g farina d’orzo biologica

100 g farina di riso biologica

160 g burro biologico freddo

1 uovo biologico

1 cucchiaio late freddo

½ cucchiaino sale

semi di sesamo nero e bianco

Farcia

3 uova biologiche

200 ricotta di mucca biologica

50 ml panna fresca

50 g Grana Padano grattugiato

50 g provolone piccante

sale e pepe qb

1 limone non trattato (buccia)

1 mazzetto di agretti

Preparazione

Pasta brisée

Potete prepararla a mano impastando velocemente tutti gli ingredienti, oppure utilizzare la planetaria (con il gancio) . Se lo fate a mano mettete in una terrina la farina precedentemente setacciata, fate una fontana e mettete il burro al centro, ben freddo e tagliato a pezzetti, il sale e l’uovo. Lavorate velocemente fino ad ottenere un composto grumoso, quindi aggiungete il latte e lavorate bene fino ad ottenere un impasto compatto. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola per alimenti e fatela riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Preriscaldate il forno a 190°.

Stendete la brisée su una spianatoia infarinata in una sfoglia di circa 3 mm di spessore. Adagiatela su uno stampo imburrato ed infarinato (o foderato di carta forno), fatela aderire bene e ritagliate i bordi. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e mettete in frigorifero per una decina di minuti.

Procedete con la cottura in bianco, coprendo il fondo del vostro guscio di brisée con della carta da forno coperta con dei pesi (io fagioli secchi). Cucocete in forno ben caldo a 190° per 15 minuti. Estraete del forno.

Con la pasta avanzata potete ritagliare dei piccoli rombi, cospargerli di semi di sesamo nero e bianco, e ‘fissarli’ passando sopra delicatamente il matterello. Potete distribuirli intorno alla quiche come a formare una decorazione del bordo, oppure semplicemente disporli su una teglia coperta di carta forno e cuocerli per pochi minuti in forno bene caldo.

Farcia

Eliminate le radici degli agretti e lavateli bene sotto l’acqua corrente per eliminare tutta la terra. Lessateli in acqua bollente salata per 3-4 minuti. Scolateli e tuffateli in acqua fredda (io nell’abbattitore di temperatura) sia per fissare il colore verbe brilante che per fermare la cotttura. Scolateli e spuzzateli di succo di limone. Tenete da parte.

Sbattete le uova, unite la ricotta, la panna, il Grana Padano grattugiato, sale pepate e sbattete bene, unite anche il provolone tagliato a pezzetti e della buccia di limone grattugiata a piacere.

Versate il composto sulla base della quiche, disponete gli agretti lessati a ciuffetti.

Infornate per altri 30-35 minuti circa.

 

NOTE:

Potete preparare la pasta brisée anche utilizzando il robot da cucina, versate tutti gli ingredienti ed il burro ben freddo tagliato a pezzetti, azionate fino a quando si formerà una palla.
Michel Roux non ne sarebbe felice, ma quando c’è poco tempo anche questo è concesso!

 

DSC_0501quiche_agretti_provolone

 

Buona settimana gente!

 

roby-antracite-300x75

Piatti unici/ Salato/ Secondi vegetariani

Quiche con feta e cipollotto

 
 
 
Allora? Pronti per questo fine settimana?
Cosa avete in programma?
Un lungo week end lontano da casa?
Un picnic?
Una gita fuori porta?
Una giornata al mare?
O semplicemente vi godete la casa, il giardino, le vostre città?
Qui, il tempo ha fatto il pazzerello tutta la settimana…speriamo si metta tranquillo e ci conceda un po’ di sole, così riusciamo ad andare al mare.
Nessun programma particolare, mare, sole, relax, qualche rivista da leggere, chiacchiere con gli amici…
Oggi, un po’ di corsa (è una normalità nelle ultime settimane…) la ricetta di una semplice quiche.
Preparata però con una brisée che è una vera favola.

Continue Reading…

Antipasti/ Piatti unici/ Salato

Di previsioni meteo e … Quiche al farro con sciopeti (carletti) e fiori di zucchina

 

Ieri abbiamo aperto ufficialmente la stagione estiva!
Giornata intensa.
In barba alle previsioni meteorologiche, che ultimamente mi sembra siano davvero poco attendibili, ci siamo svegliati con un bellissimo sole.
Un cielo terso e luminoso che ci ha fatto preparare in super velocità le borse per la spiaggia.
Mi chiedo, ma i meteorologi, ci sono o ci fanno?
Possibile che non ne becchino una di giusta?
Mah?
Comunque, noi siamo letteralmente fuggiti…così velocemente da dimenticarci la borsa con i giochi per le  bimbe…
Era una di quelle giornate che si contano sulle dita di una mano, di quelle che sei a Jesolo, ma ti sembra di trovarti a Miami per i colori del cielo e del mare..davvero bella.
Siamo rientrati nel pomeriggio perché la sera, dopo una doccia super veloce, siamo andati alla festa di matrimonio di una coppia di amici!
Adesso è tardi e sto scrivendo il post…ormai è la mia consuetudine postare in orari notturni, purtroppo, viste le tante cose da fare o così o…
Ricetta?
Prima che sparissero, la scorsa settimana, ho fatto questa torta salata con i carletti di cui vi avevo già parlato qui.
Mi sembrava perfetta per partecipare al contest di Ambra, erbette spontanee e fiori (questi ultimi però li ho comperati…quest’anno niente orto visto il trasloco imminente…).
Oggi sono a scuola tutto il giorno, ma questa sera devo assolutamente trovare il tempo per venirvi a trovare amiche!
Buona settimana!
 

Continue Reading…

Antipasti/ Diario/ Piatti unici/ Salato

Consapevolezza. Quiche primaverile ai porri, piselli e carote

 

 

Forse avreste preferito qualche racconto su quello che abbiamo fatto questo week end, invece.
Ho letto dei dati sconvolgenti.
Si, a volte leggiamo queste cose o le ascoltiamo dalla TV, ma ci prestiamo poca attenzione.
Perché se davvero le memorizzassimo per bene, le cose forse cambierebbero, noi cambieremmo.
I dati sul cibo che ogni anno viene buttato in Italia.
Ne avete un idea?
Nel 2012 hanno calcolato un ammontare di circa 1600 euro a famiglia, fate la moltiplicazione.
Dati assurdi se solo pensiamo a quante persone sono a rischio povertà in Italia.

E la cosa assurda è che non si buttano via soltanto prodotti freschi, si butta via anche tantissimo pane.

Cosa inconcepibile se pensiamo alla cultura mediterranea dove il pane veniva riciclato nelle zuppe, nelle insalate e nei dolci.
Un dato emerso da questa indagine è che chi ama il cibo spazzatura spreca molto di più.
Sicuramente manca consapevolezza, e ignorare come nasce il cibo che si porta in tavola, automaticamente allontana dal suo significato e dal suo valore.
A questo si aggiunge che fare la spesa al supermercato e farla in un piccolo negozio non è certo la stessa cosa…anzi ha contribuito largamente a snaturare il nostro rapporto con il cibo.
A chi di voi non è successo di entrare al supermercato per acquistare un litro di latte e di essere uscito con un sacchetto pieno di cose che non erano nella lista?
Mi è piaciuta molto questa frase.
“SPINGETE VOI IL CARRELLO, NON FATEVI SPINGERE DA LUI.”
Un piccolo suggerimento è di non farsi tentare dalle offerte, di pianificare gli acquisti, pensare solo a quello che ci serve, e di cucinare tutto.
Cercate di riutilizzare anche gli scarti (io tante idee le ho trovate qui da lei).
Ricettina!
Siccome fa davvero comodo rientrare a casa alle 13.30 e trovare qualcosa di pronto, spesso preparo delle quiche o torte salate.
Le verdure primaverili sono meravigliose.
Confesso che fino a poco tempo fa comperavo i piselli surgelati.
Certo sono una bella comodità.
Ma volete mettere il gusto ed il colore di quelli freschi?
Poi a me rievocano l’infanzia, e momenti di condivisione in famiglia.
Mia mamma che mi chiedeva di aiutarla a sbucciare i piselli, e a me piaceva un sacco.
Dentro a questa torta, ci sono i porri, le carote, i piselli, e tanti cari ricordi.
Buon inizio settimana!

Continue Reading…

Antipasti/ Primi piatti/ Salato

ANDARE AD ERBETTE E….TORTA SALATA INTEGRALE CON ROSOLACCE, FETA e RICOTTA


foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 



Ve ne avevo accennato sabato (qui) della mia scorribanda nei campi…

Era qualche giorno che lo volevo fare, anzi temevo fosse pure tardi, ormai.

Già da una settimana, dalla finestra di casa, vedevo gruppetti di donnine chinate con borse belle piene che si dedicavano alla raccolta, invece.

Invece ce n’erano ancora tantissime.

Sto parlando delle piante alimurgiche, o meglio conosciute come erbe spontanee.

L’utilizzo alimentare delle piante spontanee è stato definito infatti fitoalimurgia, dal greco phytón, ovvero pianta e dal latino alimenta urgentia, cioè alimentazione in caso di necessità, urgenza alimentare.

A me piacciono molto e trovo che sia molto importante preservare la conoscenza di queste erbe spontanee ed il loro utilizzo in cucina.  

Un tempo era normale utilizzare queste erbe, anzi erano una componente essenziale ed insostituibile per il sostentamento delle popolazioni, soprattutto per quelle rurali.

Purtroppo la loro conoscenza è legata ad antichi saperi, che venivano tramandati dagli anziani e che si rischiano di perdere in questo mondo ormai davvero troppo globalizzato, secondo me.

Io, purtroppo, non ne conosco molte, solo alcune, quelle che mi ha insegnato a riconoscere mia mamma, forse le più comuni.

Ogni anno mi ripropongo di frequentare un corso sul tema, quest’anno l’avevo pure trovato, ma purtroppo si svolgeva un po’ troppo distante da casa mia…un vero peccato.

Anche perché saper riconoscere le specie non è cosa da poco, è assolutamente sconsigliato improvvisare, esattamente come per i funghi.
Raccogliere la pianta sbagliata può creare seri problemi, potrebbe essere tossica. Inoltre è importante raccoglierle in luoghi possibilmente lontani da aree trafficate o in campi coltivati dove si conoscono le operazioni che vengono effettuate.

Il Papaver rhoeas L. il cui nome comune è Rosolaccio, in Veneto viene chiamato Rosoe o Rosoline. 
E’ un infestante dei cereali, ed è una pianta diffusa in tutta Italia.

A fine inverno e primavera si possono facilmente trovare le rosette basali che sono belle croccanti.

Qui in Veneto normalmente viene utilizzata cotta, da sola o mescolata ad altre erbe, e si utilizza per la preparazione di torte salate, risotti, minestre o semplicemente come contorno.

Vi lascio un passaggio che ho trovato in rete e che mi piace molto.

“Chi conosce le erbe spontanee le considera una risorsa perché arricchiscono la tavola di “nuovi sapori” da riscoprire. Queste piante danno al palato sensazioni rustiche e arcaiche dimenticate dalla selezione operata dall’uomo che ha privilegiato altri aspetti (la resa, il gusto standardizzato, le qualità estrinseche, ecc.) appiattendo e omologando le caratteristiche organolettiche dei cibi, creando una sorta di “addomesticamento dei gusti.
La natura ci mette a disposizione queste verdure nei campi, sul ciglio delle strade di campagna, nei boschi e negli incolti, in gran quantità nella bella stagione, ma anche durante i mesi invernali. Un tempo presenza abituale sulle tavole, sono oggi meno diffuse ed è un peccato visto che le erbe spontanee, oltre a essere buone, sono spesso ricche di sostanze nutraceutiche.”

Con parte del raccolto ho fatto la più classica delle preparazioni, vuoi perché siamo prossimi a Pasqua, vuoi perché ci stanno davvero bene, eccole qui dentro ad una torta salata, una simil-torta Pasqualina!

Se rustico è l’interno, rustico è anche il guscio perché adoro la brisée integrale!

Ciao!

TORTA SALATA INTEGRALE CON ROSOLACCE, FETA e RICOTTA

Ingredienti:

Pasta brisée
250 gr farina integrale biologica
120 gr burro biologico
70 gr acqua ghiacciata
1 pizzico sale rosa dell’Himalaya

Farcia
500 gr rosolacce lessate
100 gr feta
100 gr ricotta biologica
1 uovo biologico
1 cipollotto di tropea
Sale rosa qb
Pepe qb
Pane grattugiato qb
Semi di sesamo per decorare
Olio evo qb



foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 

foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 


Pasta Brisée – metodo tradizionale
Disponete la farina a fontana sul piano di lavoro, mettete al centro una presa di sale ed il burro freddo tagliato a pezzettini. Amalgamate insieme burro e farina lavorando con le dita velocemente, aggiungete anche l’acqua fredda al centro ed impastate fino ad ottenere un composto bello omogeneo. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e riponetela in frigorifero almeno per un’ora. (Io la faccio il giorno prima se posso).

Pasta Brisée – metodo furbo/veloce
Mettete tutti gli ingredienti dentro al robot da cucina.
Azionatelo alla massima velocità. Quando si sarà formata una palla, estraetela, avvolgetela nella pellicola e riponetela in frigorifero almeno per un’ora.
Accendete il forno a 180°.

Prendete la pasta e stendetela con il matterello (spessore di circa 3 mm). 

Considerate la larghezza della teglia che utilizzerete e fate in modo che il vostro cerchio sia largo abbastanza per ripiegarla sopra la farcia.

Sistemate la pasta all’interno della teglia foderata di carta forno.

Fate appassire in una padella, con poco olio evo, lo speck tagliato a cubetti ed il cipollotto tritato grossolanamente.

Aggiungete anche le rosolacce precedentemente lessate e tagliuzzate, e fate insaporire.

In una terrina mescolate la ricotta, la feta sbriciolata, l’uovo, regolate di sale e pepe. 
Aggiungete anche le rosolacce con il soffritto di cipollotto e pancetta ed amalgamate bene.

Cospargete sul fondo della torta poco pane grattugiato (così la brisée rimarrà bella croccante) e sopra il composto di rosolacce.

Ripiegate la pasta eccedente verso l’interno.

Io ho utilizzato i ritagli di pasta per creare alcune decorazioni.

(Se preferite lucidarla spennellate con dell’uovo sbattuto, io non l’ho fatto perché a me la brisée integrale piace abbia un aspetto ruvido e rustico)

Cospargete con i semi di sesamo ed infornate per circa 40-45 minuti a 180°.


 Area di ‘scorribanda’….

foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 

Rosolaccio o ‘Rosolina’
foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 

parte del raccolto…
foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 
lessate e fumanti….
foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 

...dentro all’abbattitore!
foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 
Diario/ Salato

CONDANNATA ALL’OTTIMISMO…TORTA SALATA AL CAVOLO ROMANO E SALSICCIA

 
Oggi qui splendeva un bel sole, ed anch’io finalmente mi sentivo meglio questa mattina. 
Bimbetta sta migliorando e spero davvero che per le feste di Natale staremo tutti bene.
Riflettevo oggi.
Su qualcosa che ho letto, un’intervista fatta a Eduardo Punset in merito al suo libro ‘Viaggio nell’ottimismo’.
 
Avvocato, economista, giornalista ed ex ministro spagnolo.
La giornalista lo ha definito lo scienziato della felicità.
 
Non è facile parlare di ottimismo di questi tempi, soprattutto per uno che ha fatto il ministro in un paese che è il secondo più indebitato al mondo, dopo gli USA.
 
In poche parole il pensiero di Punset si può riassumere così: dare spazio alle emozioni, imparare (fin da piccoli, cosa che la scuola non insegna più) a gestire le emozioni negative ed a sfruttare quelle positive, come l’empatia.
 
Lasciare che il pagliaccio conviva con il saggio che è in noi, secondo lui molte imprese si sono ritrovate in bancarotta perché i loro dirigenti non sapevano sorridere.
 
Fidarsi dell’intuito, perché vari esperimenti hanno dimostrato che il pensiero razionale ha un peso marginale e che i neuroni decidono dieci secondi prima di noi.
 
Lavorare in squadra, in modo collaborativo, perché lavorare sempre in competizione con gli altri non porta da nessuna parte. Chi fa parte di un branco ha più probabilità di essere felice ed ottimista.
 
Prendere una pausa dal lavoro a quarant’anni, fermarsi, magari andare all’estero, approfondire le proprie conoscenze, fare formazione, occuparsi dell’educazione dei figli. Considerate le nuove aspettative di vita del genere umano, suggerisce un nuovo modello lavorativo, che magari sposta l’età della pensione più avanti, ma consente di prendersi una pausa di 3-4 anni per fare le cose di cui sopra.
 
Teoria, di difficile applicazione pratica…ma secondo me può essere uno spunto di riflessione…
 
Io ho fatto un rapido ‘Ce l’ho, mi manca’…
 
Alle emozioni do ampio spazio…non mi faccio mancare niente, anche se onestamente non sempre gestisco al meglio le energie negative…
 
Il pagliaccio che è in me convive, anzi forse sovrasta il saggio, ma pazienza…
 
Fidarsi dell’intuito?…i miei neuroni decidono sempre prima di me…e quello che sto pensando l’ho già fatto e detto… 
 
Far parte di un branco e lavorare in squadra?…mai stata un’individualista, mai aspirato a dirigere gli altri, ho sempre preferito il lavoro di squadra….
 
Sul prendersi una pausa lavorativa a quarant’anni…beh, un po’ mi ci sono trovata e un po’ l’ho scelto…comunque sono io.
 
Cosa vi devo dire…SONO FORSE CONDANNATA ALL’OTTIMISMO???
 
Bando alle teorie e passiamo alla ricetta.

Torta salata con il cavolo romanesco e la salsiccia. 
Ho scritto buona tra parentesi, perché tra quelle comperate in certi super e quelle preparate con un certo criterio e con prodotti di qualità, ne passa un bel po’ di differenza.
 
Io ho uno spacciatore di salumi ed altre leccornie e la salsiccia che ho usato arriva da lui.
 
Insomma, se non ce l’avete già, trovatevi un buon spacciatore gastronomico!!
 
Secondo me è meglio acquistare poco e bene che riempire il carrello di prodotti di scarsa qualità.
Che dite?
 
Buona giornata amici!!!

TORTA SALATA AL CAVOLO ROMANO E SALSICCIA
 
Ingredienti:
 
Pasta brisée
250 g farina di farro biologica
120 g burro biologico
1 pizzico sale rosa dell’Himalaya
70 gr acqua ghiacciata
 
Farcia
250 g ricotta biologica
1 uovo biologico
1 cavolo romano piccolo
2 salsicce (buone)
Parmigiano Reggiano 4 cucchiai ca.
1 spicchio aglio
Olio evo qb
Pane grattugiato integrale qb
Sale rosa dell’Himalaya qb
Pepe bianco qb







 
Lavate e tagliate il cavolo romano in cimette e fatelo cuocere al vapore, tenete da parte. 

Io ho tagliato a pezzetti molto piccoli il gambo ed ho lasciato le cimette intere perché mi piace che si vedano bene affiorando dall’impasto.
 
Tritate l’aglio, privato dell’anima, e fatelo rosolare in una padella con poco olio evo e la salsiccia ridotta a pezzetti, precedentemente privata del budello.
 
In una ciotola lavorate bene la ricotta, salate e pepate, aggiungete l’uovo ed il Parmigiano Reggiano.
 
Stendete la sfoglia di brisée in un cerchio leggermente più largo della tortiera (io cm. 26) adagiatela nella tortiera foderata di carta forno. 
 
Spolverate con il pane grattugiato, poi versate anche il cavolo romano, la salsiccia e sopra la crema di ricotta, distribuendola bene con l’aiuto di un cucchiaio.
 
Sistemate i bordi ripiegandoli verso l’interno ed infornate a 180° (forno pre-riscaldato) per circa 30 minuti. Deve diventare bella dorata.
Pasta brisée
Per preparare la pasta brisée è fondamentale che tutti gli ingredienti siano ben freddi, l’acqua se ghiacciata meglio ancora.
 
Per prepararla io utilizzo il robot da cucina, verso prima la farina con il burro bello freddo ed il sale, faccio andare il robot veloce in modo che si formino delle ‘briciole’, poi aggiungo anche l’acqua ghiacciata e faccio andare nuovamente, si formerà una ‘palla’ che tiro fuori, impasto velocemente sulla spianatoia aggiungendo poca farina se necessario, poi la avvolgo nella pellicola trasparente e la lascio riposare in frigorifero.
 
Deve riposare in frigorifero almeno 40 minuti. Se la preparate il giorno prima è ancora meglio. Basterà stenderla con l’aiuto di un matterello ed è pronta all’uso.



CONSIGLIA Tartellette con confettura di latte e miele